Intel lancia la sfida ad Apple con i chip i9

In occasione del CES 2022, molte aziende del settore tech hanno presentato gran parte delle novità hardware che vedremo approdare sul mercato nel corso del nuovo anno. Intel non è stata da meno, avendo recentemente annunciato i nuovi processori Core i9 di ultima generazione per laptop.

Se vedere un nuovo chip Intel ogni anno non è sicuramente una novità, ciò che dovrebbe stupirci sono le parole dell’azienda stessa. In corso di presentazione, la multinazionale americana ha rivelato che i suoi nuovi chip i9 saranno molto potenti e più veloci del chip M1 Max impiegato da Apple nei nuovi MacBook Air e MacBook Pro.

Intel: i nuovi chip i9 più potenti, ma quanto consumano?

Nello specifico i nuovi processori i9 sono dotati di sei core per le prestazioni e otto core per l’efficienza, per un totale di 14 core, ben quattro in più rispetto al concorrente M1 che ne include otto per le prestazioni e due per l’efficienza.

Sebbene la potenza in uscita dei chip i9 sia migliore di quella dei chip M1 di Apple, per offrire tutte le loro prestazioni richiedono ben 115 watt, molto più alto di quello che i chip M1 Max utilizzano. Inoltre, i chip i9 richiedono anche un sistema di raffreddamento più efficiente e possono essere potenziati fino a 5.0 GHz in frequenza Turbo.

Intel ha messo a punto un grafico delle prestazioni rispetto alla potenza durante la presentazione dei suoi chip. Nel grafico, si può evidenziare come le prestazioni siano state calcolate in base alla compilazione di codici binari con la suite di benchmark SPEC CPU 2017. Sebbene l’i9 sia realmente più potente del M1 Max, il chip di Apple richiede molta meno energia.

Grafici a parte, è impossibile conoscere le reali prestazioni del chip fino a quando sarà rilasciato e testato da fonti terze e non di parte. I nuovi chip Intel sembrano funzionare abbastanza bene, anche se la compagnia di Cupertino sembra non avere rimpianti in seguito al passaggio a CPU home made. Inoltre, Apple ha recentemente dichiarato di essere a lavoro su un nuovo chip M2 che dovrebbe offrire prestazioni ancora più alte a costi energetici ridotti all’osso.

LEGGI ANCHE: ASUS ROG Flow Z13 stile Surface ma più potente

Gianluca Belloni

Laureato in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche e Farmacista di professione sono appassionato di gaming, tecnologia e scienza in ogni sua forma e rappresentazione. Ho iniziato a lavorare con Internet nel 2013 con all'attivo centinaia di articoli per vari editori online. Ho fondato AppleBites come blog personale.